Golose, veloci da preparare e personalizzabili a piacimento, le crêpes sono uno degli snack più diffusi in Italia e se gestite un’attività avrete probabilmente più volte pensato di inserire una crepiera professionale. Ma quando si sono diffuse? Come è iniziato questo mercato?

Forse non sapete che La Crêperie BGS, la prima crepiera professionale di Techfood, ha avuto un ruolo centrale nella storia aziendale e nella creazione di questo business. Abbiamo chiesto di raccontarci come è andata ad Angelo Iori, Presidente Techfood.


Come e quando nasce La Crêperie BGS?

L’idea nacque nel 1992 durante una fiera a Parigi. Dopo aver visto quante crêpes vendessero in strada tutti i giorni, tornai riflettendo su come non fosse ancora un business in Italia. Non tutti sanno che per quanto le versioni più famose siano le crêpes suzette e la gallette, variante bretone salata, l’origine di questo particolare cibo è italiana e per la precisione toscana. Prendevano, infatti, il nome di crespelle dal mare increspato e furono introdotte in Francia da Caterina De Medici nel Seicento.

Capii da subito che la crêpes suzette parigina, flambata e alcolica, era ben lontana dal gusto italiano, abituato ai dolci fatti in casa. In quegli anni nel nostro Paese spopolava la Nutella, che era il ripieno perfetto ma più difficile da incorporare. Nacque così la mia idea di crepiera professionale, abbinando la tecnologia a un prodotto domestico e trasformandolo in una soluzione per catering.

crepiera professionale


Oltre all’effetto novità, qual è stato il segreto del successo de La Crêperie BGS?

Non volevo inventare un nuovo mercato, ma migliorarne uno già esistente. Per questo abbiamo proposto La Crêperie BGS anche a street food e gelaterie, consentendo di vendere senza vincoli stagionali.

Un altro elemento di successo è stata la fornitura del preparato liofilizzato che permetteva ai bar senza cucina di utilizzare la macchina. Con La Crêperie BGS abbiamo anche anticipato il trend dello showcooking e del cosiddetto effetto wow: i clienti vedevano il prodotto mentre veniva realizzato e apprezzavano molto.

Sicuramente anche la nascita del rapporto con Ferrero, ormai più che ventennale, ha contribuito al successo della nostra crepiera professionale. Per quanto si possano realizzare anche salate e farcite con marmellate e creme, l’80% del mercato è rappresentato dalle crêpes con la Nutella.

Potremmo dire che è un prodotto che rispecchia la mission stessa di Techfood, o che forse addirittura ha contribuito a crearla?

Il nostro punto di partenza come azienda era ed è quello di creare valore aggiunto e soluzioni per le attività di ristorazione. Con La Crêperie BGS volevamo creare nuove opportunità per i locali: le crêpes rettangolari, infatti, sono più semplici da realizzare e farcire. “Crêpes facili” fu uno dei primi slogan della nostra crepiera.

Crepiera professionale

Cosa è cambiato rispetto al 1992? Ci sono novità in vista?

Sulle crêpes abbiamo continuato a specializzarci, fino a realizzare macchine con l’ormai diffusissima piastra rotonda, ovvero le nostre Rondò Unika, Rondò 30 e Rondò 40. Questo sistema, rispetto a quello tradizionale francese, permette di dimezzare i tempi e preparare una crêpe in pochi secondi.

Ma la vera scommessa dei prossimi anni è adeguare le macchine ai consumatori attuali, molto più consapevoli e attenti a ciò che mangiano. Lanceremo presto la gamma biologica dei nostri preparati per dolci con farine, latte e uova biologiche.

Un’ ultima domanda: cosa vuol dire la sigla BGS?

Sono le iniziali dei miei tre figli Beatrice, Gabriele e Sofia, in ordine di nascita. I più attenti avranno notato che i loro nomi sono presenti anche nella ragione sociale dell’azienda (Techfood by Sogabe srl). Per noi i valori vengono prima di tutto, anche del profitto. E il nostro pensiero familiare e imprenditoriale è sempre stato quello di creare qualcosa di positivo da lasciare alle generazioni future. Qualcosa di buono come una crêpe!

Quante storie e possibilità nascono con una crepiera professionale. Provate anche voi la sua potenzialità, magari abbinandola ai dispenser per farcire prodotti dolci e salati. Nuove opportunità di business vi aspettano!