La ristorazione innovativa è l’unica risposta possibile a un mercato in continua trasformazione. Il mondo del food service infatti, oltre a fare letteralmente i conti con le spese di gestione, di personale e di materie prime selezionate, deve oggi adeguarsi a una clientela sempre più informata ed esigente.
La crescente complessità richiede cambiamenti e nuove soluzioni specifiche, che spesso nascono da partnership e collaborazioni.

È proprio nel segno dell’innovazione infatti che nasce l’incontro tra Techfood e Salomon Foodworld.
L’azienda tedesca vanta la più ampia varietà di offerta in Europa e fa della ristorazione innovativa uno dei punti fondamentali della propria mission, grazie a una costante attività di monitoraggio e a continui investimenti su ricerca e tecnologie.

Ma in cosa consiste questa collaborazione?
Abbiamo fatto qualche domanda ad Anna
Knipps, Country Manager per l’Italia di Salomon Foodworld.

Da quanto tempo Salomon FoodWorld è sul mercato?

Da circa 40 anni. È nata come azienda che produceva hamburger, ma è sempre stata molto avanti. Per esempio, Salomon è stata la prima ditta a importare in Europa dagli Usa le Buffalo Wings (alette di pollo) nel 1995. Oggi è ancora una delle realtà più innovative del food service.

Quali sono i punti fondamentali della vostra mission?

Sicuramente l’essere innovativi. Questo stimolo nasce da un’altro tema per noi importantissimo, che è quello dell’offrire soluzioni facili e pratiche ai nostri clienti.
Infine, non scendiamo a compromessi sulla qualità della nostra offerta. Questo può comportare un prezzo finale più alto, ma i ristoratori difficilmente tornano indietro dopo aver provato i nostri prodotti.

Che riscontro avete sul mercato italiano?

Siamo presenti da più di 15 anni sul mercato italiano. Dei 28 paesi che serviamo, l’Italia è seconda solo alla Germania per numero di ordini!

In quale occasione avete conosciuto Techfood?

Ci siamo conosciuti personalmente al BeerAttraction di Rimini, lo scorso febbraio.
Gabriele (Iori, Responsabile Marketing di Techfood) era molto colpito dalla nostra azienda ed è stato bravo a farsi notare nel contesto fieristico, che spesso risulta un po’ caotico.

Su cosa si basa la vostra collaborazione?

Sicuramente sulla condivisione di alcuni valori come l’attenzione alla qualità e la ricerca di una modalità di ristorazione innovativa.
Per noi è interessante aprirci alla nicchia di mercato di tutti quei locali che per dimensioni e licenze non possono cucinare o friggere: Techfood ha testato molti dei nostri prodotti sulla sua linea di forni Combi, che sono perfetti per i locali senza cappa di aspirazione.
Visto il buon esito dell’esperimento, hanno creato un ricettario ad hoc che è gia stato caricato nel software dei forni Combi Wave, Combi Wave Smart e Combi Masterchef.
Insieme, abbiamo ideato questo pacchetto vendita che offre la possibilità, a chi acquista un forno della linea Combi, di ottenere uno sconto speciale sui nostri prodotti.

Gabriele Iori, Responsabile Marketing di Techfood, aggiunge:
“Siamo rimasti subito colpiti da Salomon, un’azienda sana e al passo con i tempi. Il loro catalogo è davvero ampio e racconta la loro enorme cultura alimentare globale.
Sposarci a un brand del food di questo livello è per noi una grande occasione di dare risalto alle potenzialità delle nostre macchine alimentari. Grazie alla loro offerta di prodotti precotti e surgelati, combinata con i nostri forni, anche i locali piccoli e sprovvisti di canna fumaria potranno proporre menù vari e gustosi.
La collaborazione con Salomon FoodWorld è inoltre ottima per farci affermare ulteriormente nel contesto internazionale, da sempre importante per Techfood.”

 

I due brand parteciperanno insieme a Gustus, il Salone professionale dell’Agroalimentare e dell’Enogastronomia e della Tecnologia che si svolgerà a Napoli dal 17 al 19 novembre. Non temete: vi racconteremo come è andata!